Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Ognuno di noi può salvare dodici vite umane ogni anno donando sangue

L'80% degli italiani non ha mai donato il sangue

L'annuale Assemblea dell'AVIS che si è tenuta a Stresa dal 17 al 20 maggio, ha riportato alla luce, se mai ce ne fosse stato bisogno, l'enorme quantità di sangue necessaria per raggiungere l'autosufficienza (350 mila unità di cui 40 mila solo a Roma). Il 2000 ha confermato l'andamento già evidenziato nel 1999 che, per quanto riguarda le sacche di sangue, si caratterizza per uno squilibrio tra la capacità di produzione ed i consumi reali e una complessiva stasi del sistema. Questo fenomeno è dovuto in particolare all'aumento dei consumi interni che si registrano in tutte le regioni, con particolare riferimento a quelle del Centro-Nord che hanno già avviato programmi assistenziali più complessi sul piano organizzativo, quali i trapianti e le terapie oncologiche intensive. Infatti, sempre più si fa ricorso consistente alla donazione occasionale ed alla mobilità dei donatori, in alcuni casi interregionale, come è capitato anche ad alcuni pazienti della nostra provincia: “Se vuoi farti operare, porta alcuni donatori!”. E' vero i dati donazionali della nostra provincia sono in costante crescita ma purtroppo questo non basta. Occorre pensare alla continua richiesta di sangue e piastrine da parte del Centro di Ematologia e a quanti si ricoverano all'Ospedale “Lancisi” di Ancona per interventi cardiochirurgici.
Ora che sta per arrivare l'estate, con l'aumento di turisti e con i donatori e i dipendenti dei centri trasfusionali che vanno in ferie, rischiamo di rimanere senza sangue. In questa opera di sensibilizzazione AVIS sta impegnando notevoli risorse fisiche ed economiche perché i dati sono allarmanti: l'80 % della popolazione italiana non ha mai donato sangue; il 29 % non sa neppure della continua carenza di sangue nei nostri ospedali; il 70 % del plasma per la lavorazione industriale, per ricavare emoderivati, proviene dall'estero. Ma questo può definirsi un Paese civile, dove non viene nemmeno garantito il diritto alla salute? Perché il sangue a disposizione degli ospedali è sempre meno di quello che serve agli ammalati: che quando ne restano privi corrono gravi rischi compreso quello di morire.
Con quattro donazioni all'anno si salvano dieci-dodici vite umane. Purtroppo ognuno è convinto, per di più in buona fede, che non sia così importante, che se non lo fa lui lo farà di sicuro qualche altro. Di sicuro invece, c'è solo che qualcuno aveva bisogno di sangue e non lo riceverà in tempo. Donare è facile e non ha alcuna controindicazione, anzi fa bene anche alla propria salute perché i donatori beneficiano di un check-up gratuito. Lo scorso anno nella zona di Urbino abbiamo salvato, attraverso gli scrupolosi esami richiesti, sette vite umane, in quanto abbiamo diagnosticato in tempo il sorgere di principi tumorali. Sette persone, che ora vivono tranquillamente in quelle famiglie, ignoravano la tragedia che avrebbe potuto colpirle. Tempo fa a Serravalle di Carda (Apecchio) un interlocutore mi ha detto. “Ora so chi devo ringraziare per la vita di mio fratello!”.
Educare, progettare, organizzare la solidarietà rappresentano gli obiettivi per costruire una nuova società nella quale possano convivere le differenze e possano aprirsi nuovi orizzonti di sviluppo sociale. Così la solidarietà perde il tradizionale carattere “caritatevole”, pietistico e consolatorio” per diventare un momento di partecipazione attiva del cittadino, che ha il diritto-dovere di realizzare una migliore qualità della vita, di ottenere un sempre più adeguato stato di salute, inteso dalla dichiarazione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità come “condizione di benessere fisico, psichico e sociale”. E' attraverso questa chiave di lettura che AVIS si impegna nella divulgazione del valore del sangue difendendo il principio che attraverso l'atto si promuove la solidarietà e si tutela il diritto alla salute. Già la scorsa estate, celebrando il “Giubileo del Donatore” all'Eremo di Carpegna, avevamo lanciato lo slogan creato da una giovane talassemica “AVIS DONA LA SPERANZA”, che suscita in noi uno stimolo costante a non fermarci, ad insistere ogni giorno di più, a compiere meglio un dovere morale assunto nei confronti di chi ha più bisogno di noi. La nostra battaglia quotidiana in favore della vita non può essere persa perché non può prevalere la cultura della morte e soprattutto del fatalismo. Quando negli ospedali si gioca la vita, la risposta è univoca, la voce del sangue, la voce dell'amore e del sentimento di solidarietà verso il più debole diventa imperativo categorico, e dunque, morale.
Risale al 23 marzo scorso la lettera indirizzata al Presidente della Repubblica e ai Presidenti della Camera e del Senato per renderli consapevoli dello stato del Trasfusionale Italiano: mancato raggiungimento dell'autosufficienza per sangue e plasma, mancata approvazione della riforma della legge 107/90, sicurezza ancora legata alla necessità di norme chiare per tutti. Ci auguriamo che l'approvazione della legge sia una delle priorità del nuovo governo, considerato l'impegno scritto assunto dal senatore Tomassini, responsabile per il Polo delle Libertà, nella sede dell'AVIS il 7 maggio scorso; che in futuro deputati e senatori siano maggiormente consapevoli delle necessità del nostro Paese in ambito sanitario.
Un particolare appello vogliamo rivolgere ai giovani, perché viviamo in un Paese dove la popolazione sta progressivamente invecchiando e se non ci saranno nuove entrate nel circuito donazionale, in pochi anni potremmo trovarci ad affrontare una situazione di carenza non più sanabile. Ed allora ecco perché abbiamo promosso incontri nelle scuole ad ogni livello di ordine e grado. Soprattutto abbiamo voluto essere presenti nel mondo dello sport, dal calcio al ciclismo, dalla pallavolo al basket perché ambienti sani, luoghi dove l'abnegazione ed il sacrificio sono veramente sentiti, dove soprattutto si ama la gioia di vivere. Sappiamo che quello etico-formativo non è un problema settoriale, è la sfida della nostra civiltà nell'era della globalizzazione, della rivoluzione tecnologica del rischio dell'omologazione delle coscienze e della tolleranza dell'esclusione. E' la sfida delle nuove generazioni, del loro rapporto con la storia e con le generazioni adulte, della loro capacità di immaginare e costruire il futuro. La formazione dei nostri giovani non può essere schiacciata sulle sole esigenze di mercato. Essa sarà sempre più intensamente esigenza di vita, del percorso della definizione della persona nel mondo tecnologico, dell'umanizzazione delle tecnologie oltre ad essere una nuova chiave dell'accesso al lavoro.
Così intendiamo svolgere un ruolo veramente trainante per lo sviluppo dei temi del volontariato e dell'autosufficienza anche a livello europeo ed internazionale, partecipando attivamente con tutte le nostre risorse alla crescita di questo grande movimento civile e sociale che si sta sviluppando nel mondo per garantire a tutti migliori condizioni di vita.

Elmo Santini
Presidente provinciale AVIS


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Antonio Glauco Casanova

<



TuttoPesaro  
  Questura o Prefettura nell'ex Riformatorio
<
  Riscoprire il crocefisso
<
  Controvento
<
  Aspes Multiservizi al Rossini Center
<
  La raccolta del frascame
<
  Targa premio al Gruppo ANMI
<
  Pellegrinaggi diocesani
<



TuttoFano  
  L'origine del 'Prelato'
<
  Fano Cenerentola?
<
  'Io Ricamo la Mia Città'
<
  Obiettivo Verde
<
  Denunc dj reddit
<



Opinioni e Commenti  
  Così mettete a rischio i nostri posti di lavoro
<
  Cozze e ideologie
<
  In letargo sul motorino
<
  Continua il dialogo di Alien con i lettori
<



Speciale  
  Tutti i deputati e i senatori
della nostra provincia
(1948-2001)

<
  Buon compleanno a tutti!
<



Salute  
  L'anoressia: Morire di fame
o fame d'amore?

<
  Ognuno di noi può salvare dodici vite umane ogni anno donando sangue
<
  La vita s'allunga ma la vecchiaia s'accorcia
<
  Se incontri un anziano
<



Consumatori  
  La società del piacere
<
  Perché leggere le etichette
<
  Il Caso: Tassato e mazziato
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Multiproprietà
<



Lettere e Arti  
  La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema
<
  Odio la musica 'usa e getta'
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Il 'Ricordo breve'
<
  Una febbre maligna a Pesaro nel 1603
<
  La mezzaluna di Nobili
<
  'Spazzacamin' a Mosca
<
  Ritorno alla città
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa