Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Quando il marito tradisce l'amante
Professioni allo Specchio - Il Detective
Vi ricordate di Perry Mason, l'avvocato televisivo che vinceva tutte le cause grazie all'aiuto del suo detective che gli cercava le prove? Questo non succede solo in America, o solo al cinema: succede anche a Pesaro e dintorni. Ne parliamo con Vittorio Bastianelli, titolare della Polfides s.r.l., un'agenzia investigativa che opera da oltre trent'anni sul territorio. Nel suo discreto ufficio al centro della città, riceve le visite di una variegata umanità che ha bisogno di acquisire certezze (e regolarsi di conseguenza) sul comportamento del prossimo. Proprio durante le prime battute del nostro colloquio, un sabato mattina, arriva una delle tante telefonate preliminari: è un signore che chiama per la prima volta, da una località imprecisata dell'entroterra pesarese, e che ha bisogno di aiuto per un presunto caso di infedeltà coniugale. Seguirà un incontro nei prossimi giorni, per definire i costi e le modalità dell'operazione.
Contrariamente a quanto comunemente si crede, il cliente-tipo non appartiene solo alle classi sociali più elevate. I costi, almeno per i casi meno complicati, sono dell'ordine di qualche milione; e questo, con l'aumentato tenore di vita della popolazione, se lo possono permettere in tanti. Non solo industriali, dirigenti e professionisti, ma anche impiegati, operai e casalinghe: che addirittura possono pagare anche a rate, per non destare sospetti in famiglia con repentine uscite di denaro.
Vittorio Bastianelli, un quarantenne dal fisico atletico, di famiglia lombardo-marchigiana, si è innamorato di questo mestiere una ventina d'anni fa, quando studiava Legge a Urbino. Ha poi collaborato per anni anche con il mitico Tom Ponzi fino alla sua morte, avvenuta a Milano pochi anni fa. Ha così potuto partecipare a indagini anche sul jet-set, effettuate a Montecarlo, St. Moritz, Parigi e tanti altri luoghi. Oggi la sua attività copre varie zone d'Italia, con uffici a Roma, Milano, Bologna, Udine e Verona e indagini incrociate con altre Agenzie nazionali. Attraverso i suoi racconti, scorrono sul mio taccuino le cronache di poveri amanti; e le angosce dei loro coniugi, o partners, che cercano con trepidazione le conferme dei loro sospetti. Spesso non ci sono solo preoccupazioni sentimentali, ma precisi motivi economici e giudiziari alla base di queste indagini; ma comunque appare sempre il profilo di un'umanità dolente, determinata e assetata di certezze o di conferme.

Dalla Russia con amore

Le indagini relative ai casi di infedeltà coniugale rappresentano la parte maggiore nel lavoro delle agenzie investigative, i cui clienti sono donne nel 60% dei casi; erano l'80% vent'anni fa, ma adesso le mutate condizioni economiche e sociali delle donne rende meno importante la ricerca di prove per garantirsi il mantenimento attraverso la separazione per “colpa”. Inoltre il tradimento (spesso reciproco) è vissuto in modo meno drammatico, se non ci sono figli.
Comunque, tra le tante storie, c'è quella dell'industriale pesarese che va una settimana a Mosca, ufficialmente per affari; ma in realtà lo aspetta all'aeroporto una biondona di un metro e ottanta, con cui si allontana gongolante per destinazione ignota (documentazione fotografica sul tavolo della moglie due giorni dopo). C'è il rappresentante di commercio che passa buona parte dell'anno in Romania e ne approfitta per farsi una seconda famiglia: moglie e figli a Rimini e a Bucarest, doppia casa, doppi regali di Natale, doppie tasse scolastiche, doppio tutto. C'è l'operaio che esce di casa alle sette del mattino per andare in fabbrica; ma, prima di battere il cartellino, riesce a ritagliarsi una mezz'oretta per un incontro clandestino in macchina con una compagna di lavoro.
A volte queste vicende assumono colorazioni impreviste. Il detective mi racconta il caso di una bella signora che gli ha affidato qualche tempo fa un'indagine di questo genere. Tutto faceva pensare che cercasse conferme (o smentite) su comportamenti sentimentali anomali di suo marito. E' invece emerso che l'oggetto dell'interesse era il suo amante (a sua volta regolarmente sposato), nel timore che dividesse le sue effusioni con un'altra donna, oltre naturalmente a sua moglie. Il risultato è andato al di là delle aspettative, perché il signore in questione aveva addirittura altre due amanti: dunque tre in totale, in barba al calo del desiderio e all'ansia da prestazione che, secondo i sociologi, attanaglierebbe il maschio italiano del 2000.
La cosa apparentemente più singolare di questa storia è che la signora timorosa di tradimenti dichiarava di avere un ottimo rapporto coniugale con suo marito: un bell'uomo molto affettuoso e pieno di attenzioni verso di lei. Come spesso succede in questi casi, un tran-tran coniugale troppo perfetto finisce per venire a noia; e si cercano più complicati sentieri di felicità.

Discoteche e spionaggio industriale

Ma non ci sono solo questioni di corna nell'agenda di un investigatore privato. Altri servizi molto richiesti riguardano ad esempio le indagini pre-matrimoniali, su iniziativa della famiglia di uno dei fidanzati (o di entrambi); il controllo dei figli giovani, per tener d'occhio i loro comportamenti nelle discoteche o in altri luoghi di aggregazione; la paziente ricostruzione delle tracce lasciate dalle persone scomparse. A volte i controlli nelle discoteche sono valsi a prevenire in tempo la caduta degli adolescenti nella trappola della droga; e addirittura a salvargli la vita, in un paio di casi, facendo intervenire l'ambulanza quando erano già in collasso per assunzione di stupefacenti.
Infine assumono sempre maggiore importanza le indagini nel mondo del lavoro, sotto vari profili: dai casi più banali di repressione dell'assenteismo, ai comportamenti di infedeltà aziendale, ai casi di furto di brevetti e di spionaggio industriale. Ma a questo mondo molto variegato di illegalità bisognerà dedicare un capitolo a parte.

Nino Luciferi


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Il convento di San Nicola in Valmanente
<
  DPP: Dilettanti Professionisti Poveri
<



TuttoFano  
  I personaggi sparsi di Antonio G. Casanova
<



Opinioni e Commenti  
  Solo coltivando la pace si può veramente ottenerla
<
  Quando il marito tradisce l'amante
<
  I valori attuali del 4 Novembre
<
  Guardiamo in faccia le nostre paure
<
  Pensieri in libertà
<
  A Cartoceto la mostra dell'olio
<



Speciale  
  Neta e Nezar oltre la guerra
<
  Gli alibi del nuovo nazismo
<
  I limiti del 'buonismo'
<
  I negri di casa
<
  E la gent intant la mor
(11 settembre 2001)

<
  I nemici della pace
<
  Il Carbonchio o Bacillus anthracis
<
  La paura dell'altro
<
  New York 2001
<



Salute  
  Le alternative alla psichiatria
<
  La bellezza senza illusioni
<



Società  
  Una fuga ad Urbino
<



Consumatori  
  La resa dei conti
<
  Il Caso: Il caffè al tavolo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Le risposte ACU
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  I campioni su rotelle
<
  Grande regata di Piam - Moonshine alla 'Barcolana' di Trieste
<
  Quando l'arbitro era solo cornuto
<



Lettere e Arti  
  Gli uomini della guardia
<
  Pesaro Teatro 2001 - 2002
<
  Una giornata memorabile a Villa Caprile
<
  Memorie di un impiegato
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Alessandro Nini, un compositore da ritrovare
<
  L'albero degli amici
<
  L'Andare solitario
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa