Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

L'anoressia: Morire di fame
o fame d'amore?
Giugno 2001
Nell'ultimo numero dello Specchio< una giovane lettrice sottolineava l'importanza di un argomento attuale, l'anoressia, per dare un piccolo aiuto, anche a chi soffre, a volte tremendamente fino a morire, di questo disturbo, che è ancora poco conosciuto. Il mio contributo è quello di un medico che opera nel campo della dietologia e che segue casi più o meno manifesti di anoressia nervosa, ma che richiede sempre e subito anche l'intervento dello psichiatra, perché l'anoressia, come il suo contraltare la bulimia (in realtà molto simile nelle dinamiche psichiche), sono vere malattie mentali, non stranezze o fissazioni momentanee.
Anoressia letteralmente significa “mancanza di appetito”, ma nel significato corrente è una grave sindrome psichiatrica, entrata da qualche anno negli elenchi ufficiali della malattie psichiche, caratterizzata da estrema magrezza corporea ottenuta o con severa restrizione dietetica o con condotte di eliminazione (vomito, purghe, attività fisica estrema) successive ad abbuffate. Tecnicamente si parla di anoressia quando l'indice di massa corporea (in inglese BMI: body mass index) è inferiore a 19. Si calcola dividendo il peso per l'altezza al quadrato: ad esempio 48 chili, diviso 2.56 (cioè l'altezza di 1,60 metri al quadrato), uguale 18,7 di BMI.
È detta anche “anoressia nervosa” per distinguerla dai casi nei quali la magrezza e la perdita di appetito non dipendono da un disturbo psichico, ma da una malattia organica (di solito un cancro, oppure una grave patologia gastrointestinale, un'infezione cronica e così via). In realtà le anoressiche hanno appetito, anche fame rabbiosa in certi momenti, ma hanno un estremo bisogno di controllarsi e provano piacere solo quando si sono imposte una dieta rigidissima. L'anoressia colpisce prevalentemente giovani donne tra i 15 e i 30 anni di età. È caratterizzata da un rifiuto volontario del cibo quasi totale e da un dimagrimento vistoso. Malattia dell'epoca moderna e dei popoli ricchi, un caso ne venne descritto per la prima volta dal medico inglese Richard Morton nel 1694, e fino a trent'anni fa era una malattia molto rara. In Italia oggi colpisce lo 0,3 % della popolazione: per il 95% si tratta di donne, tra i 14 e i 30 anni. È più frequente nelle classi agiate, ma si sta diffondendo in tutte le classi sociali, dato il livellamento dei “modelli” proposti dalla TV e dalla moda; anche per questo, il lavoro di indossatrice e di ballerina la favorisce.

Caratteristiche psicologiche

1. Timore esagerato di ingrassare, anche se si è marcatamente sottopeso, per cui l'alimentazione è ridotta al minimo per la sopravvivenza (anoressia “restrittiva”) ed è rigidamente confinata con una dieta ferrea ad alimenti ritenuti “non ingrassanti”: ad esempio acqua, verdure, brodo, frutta, qualche biscotto o cracker integrale.
2. Insoddisfazione continua e grave del proprio corpo e del proprio aspetto fisico (dismorfofobia): in particolare l'anoressica considera troppo grossi i seni, le cosce, le natiche, la pancia; la stima di sé è riferita quasi totalmente alla bilancia e allo specchio e vi è una negazione totale e continua della propria magrezza.
3. In caso di eccesso alimentare (anoressia purging-vomiting) scattano subito metodiche di “vuotamento”: purghe, lassativi, vomito autoindotto, diuretici, attività fisica e sportiva intense, abuso di integratori antifame e di farmaci anoressanti.

Si associano, e a volte precedono, l'anoressia il perfezionismo nella scuola, nello sport e nel lavoro, un'apparente sicurezza e determinazione che nascondono una bassa autostima e un'insicurezza notevole nei rapporti interpersonali. L'ammalata diviene incapace di valutare ed esprimere i propri sentimenti ed emozioni, fino all'anaffettività. A parte il cibo, per il resto è arrendevole, cerca di soddisfare il più possibile le aspettative, le esigenze e le richieste dei genitori, è una figlia “modello” ma ha un'estrema difficoltà a rendersi indipendente e autonoma nel giudizio e nel comportamento. Ha un forte bisogno in realtà di affetto “privilegiato”, esclusivo, totalizzante, ma anche di genitori che la sappiano ascoltare e guidare con fermezza. Tipica è la tendenza all'ascetismo (in comune con gli asceti e i mistici, alcuni famosi per i lunghi digiuni, ha la volontà di annullare il corpo in favore di un'assoluta supremazia della mente e dello spirito). Contrastano tali tratti psichici l'impulsività, l'estrema caparbietà, l'iperattività, la competitività, con la tendenza ad essere molto severa ed esigente verso se stessa.
Il disturbo esordisce di solito nella prima adolescenza con un'eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme corporee (odiosi cuscinetti di grasso) e con la irrefrenabile necessità di controllare la propria alimentazione (dieta) e di aumentare allo spasimo l'attività fisico-sportiva. Fattori scatenanti possono essere crisi familiari, insuccessi scolastici e affettivi. La dieta restrittiva inizia quasi per gioco, poi, purtroppo, i primi successi nel controllo dell'alimentazione e nella perdita di peso rafforzano il mantenimento del disturbo: la piacevole sensazione di successo e di onnipotenza, l'aumentato interesse dei familiari (che iniziano a preoccuparsi), lo stare al centro dell'attenzione, il risultato ambito di vedere eliminati gli attributi fisici della femminilità (le curve femminili, le mestruazioni e la maturazione sessuale sono aborrite) tutto concorre a perpetuare il disturbo. L'anoressica in questa fase nasconde attentamente la magrezza con vestiti larghi o imbottiture, cela agli altri la dieta restrittiva fingendo di mangiare con appetito e poi vomitando o sputando appena non vista. Quando poi in alcuni mesi o pochi anni la magrezza è tale da limitare fortemente la vita di relazione, l'anoressica si trova isolata nella sua “gabbia d'oro”.

Patologie del comportamento

Quasi sempre c'è un'infanzia con madre “dominante” ma insicura e oppressiva, che tende a scaricare sulla figlia le delusioni o il fallimento del proprio “progetto di vita”. Il padre è spesso inconsistente o “assente”, disinteressato ai figli. Il rapporto con i fratelli è difficile per gelosie e rivalità.
- Polarizzazione totale su peso corporeo e cibo: l'attenzione, l'ideazione, il colloquio sono sempre indirizzati agli alimenti, alle calorie, al peso corporeo, alla palestra.
- Incapacità di valutare il proprio peso e la propria condizione fisica o addirittura il pericolo di morte: l'anoressica si sente sempre grassa e inadeguata.
- Negazione totale della femminilità e del sex appeal.
- Perfezionismo: iperattività intellettiva e ambizione esasperata di successo nella scuola e nel lavoro, fortemente gravata però dal timore di fallire e di non essere adeguata e accettata.
- Desiderio di assoluto controllo non solo su se stessi, ma anche sull'ambiente e sulle persone circostanti.
- Rigidità mentale e incapacità a confrontarsi con gli altri e ad accettare consigli, nel contempo bisogno assoluto di essere accettati e amati.
- Tendenza alla simulazione e alla menzogna, in particolare per quanto riguarda il cibo: negazione del vomito e della restrizione alimentare.
- Nelle forme restrittive: tendenza ad accettare in apparenza i genitori.
- Nelle forme purgative: tendenza a ribellarsi apertamente ai genitori.

Caratteri fisici

- Magrezza estrema con BMI inferiore a 19.
- Perdita delle mestruazioni (a meno di usare la “pillola” estroprogestinica che induce delle mestruazioni artificiali) per almeno tre cicli consecutivi.
- Disturbi trofici: pelle secca, sottile, capelli e unghie fragili, comparsa di peluria su tutto il corpo.
- Disturbi da vomito autoindotto: denti macchiati e corrosi, esofagite.
- Nelle forme estreme: atrofia muscolare e del muscolo cardiaco (cardiopatia da fame) con rallentamento del battito cardiaco (bradicardia) e aritmie, impossibilità a camminare e a reggersi in piedi, edemi (gonfiore alle estremità) da carenza di proteine, anemia.

La terapia

L'anoressia è una malattia mentale, che può raggiungere una gravità notevole e persino portare alla morte per denutrizione entro pochi anni. La cura è lunga e spesso difficile. Principalmente, salvo una fase d'urgenza medica che prevede il ricovero coatto e l'alimentazione forzata nei casi di rischio imminente di morte per denutrizione, la cura è di competenza psichiatrica con un supporto farmacologico iniziale (con medicinali antidepressivi e ansiolitici, in particolare fluoxetina) e una terapia psicologica di fondo, da protrarre per vari mesi secondo i dettami della “terapia cognitivo comportamentale” (CBT). Una terapia familiare può affiancare, ma mai sostituire, la terapia individuale. Utile la terapia di gruppo, anche con ricovero in una casa di cura specializzata all'inizio del trattamento. In ogni grande città ci sono centri psichiatrici pubblici o privati in grado di curare secondo i criteri moderni oltre alle associazioni di volontariato. Anche il reparto psichiatrico della ASL n. 1 di Pesaro ha un ambulatorio specializzato in questo campo.

Luciano Baffioni Venturi

L'ANORESSIA NERVOSA

- Rilevante perdita di peso (>25% del peso corporeo normale)
- Distorsione dell'immagine corporea
- Terrore di ingrassare nonostante la magrezza
- Amenorrea (assenza del ciclo mestruale da più di 6 mesi)
- Perdita della sensazione della fame
- Modifiche fisiche: carenziali e disendocrine (aumento dei peli, caduta dei capelli, pelle secca, unghie fragili, osteoporosi)

Trattamento in una Unità speciale

- Alimentazione sorvegliata
- Terapia comportamentale
- Psicoterapia di gruppo


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Dove si trova
<
  Come si collabora
<



PrimoPiano  
  Personaggi allo Specchio:
Antonio Glauco Casanova

<



TuttoPesaro  
  Questura o Prefettura nell'ex Riformatorio
<
  Riscoprire il crocefisso
<
  Controvento
<
  Aspes Multiservizi al Rossini Center
<
  La raccolta del frascame
<
  Targa premio al Gruppo ANMI
<
  Pellegrinaggi diocesani
<



TuttoFano  
  L'origine del 'Prelato'
<
  Fano Cenerentola?
<
  'Io Ricamo la Mia Città'
<
  Obiettivo Verde
<
  Denunc dj reddit
<



Opinioni e Commenti  
  Così mettete a rischio i nostri posti di lavoro
<
  Cozze e ideologie
<
  In letargo sul motorino
<
  Continua il dialogo di Alien con i lettori
<



Speciale  
  Tutti i deputati e i senatori
della nostra provincia
(1948-2001)

<
  Buon compleanno a tutti!
<



Salute  
  L'anoressia: Morire di fame
o fame d'amore?

<
  Ognuno di noi può salvare dodici vite umane ogni anno donando sangue
<
  La vita s'allunga ma la vecchiaia s'accorcia
<
  Se incontri un anziano
<



Consumatori  
  La società del piacere
<
  Perché leggere le etichette
<
  Il Caso: Tassato e mazziato
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Multiproprietà
<



Lettere e Arti  
  La Mostra Internazionale del Nuovo Cinema
<
  Odio la musica 'usa e getta'
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Il 'Ricordo breve'
<
  Una febbre maligna a Pesaro nel 1603
<
  La mezzaluna di Nobili
<
  'Spazzacamin' a Mosca
<
  Ritorno alla città
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa