Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

La Divina Commedia in dialetto pesarese: Filippo Argenti
Marzo 1998

Traduzione di Gilberto Lisotti

Inferno-Canto VIII
"Filippo Argenti"

Ed ech ch'ariva a razz su 'na barchtna
un diavle invipirid che, com el m'ved,
el m'urla: - T's arived, fil d'na putena! -
- Flegis - i fa Virgilio -, an sprech 'l fied!
Quest l' d'pasagg: en s'ferma tra sta gent!
An fa par l, st'pantn d'mort arabied! -
Com un che 'l s'ved culpid a tradiment
dal su miglior amich, acs Flegis
l' armast de sass e l'ha grugnid tra i dent.
El mi maestre, intant, senza f chiass,
l' scs tla barca e l'ha chiamed ma me,
ch'a j fatt, sa'l mi ps, un mezz sconquass.
E apena el diavle el se mett gi a vugh,
la smv tant de chel fangh cla vechia prua,
che tutt chi mort in fniva mi d'guard.
Mo mentre ognun el s'rd tla broda sua,
ech-t-me davanti el mus d'un scalmaned,
che'l m'dic: - Chi t's, ch'an t'vn a l'ora tua? -
E me: - Me an vengh: me a vagh! An so un daned!
Dimm te chi t's, ch'an t'po pi st a l'asciutt! -
E l ma me: - Un m che'l piagn, an t'ved? -
Alora me: - Brutt pezz d'un farabutt,
sta gi mal tla fanga del pantn,
ch me a t'arcnosc, bench t's sporch e brutt! -
De scatt, l'ha sts s'la barca tutt d l'mn;
mo, pront, Virgilio, dandi una zampeda:
- Va' gi sotta mal, sa ch'j'atre chn! -
Po' el m'ha chiaped, cuntent, in tla braceda
e 'l m'ha baged, dicend: - Te t's un grand m!
Oh se tu medra la t'pudessa veda!...
Quest, in tel mond, l'ha fatt el capurion:
da mort, come da viv, el fa el boris.
Mo pr, mach, i tocca st a cuvion.
Oh, quanti c'n' d'sti padreterne aris,
che un giorne i star a moll t'un ste pantn
s'la bocca pna de ste brd merds! -
E me: - Maestre, se t'me v tant bn,
fa ch'a 'l vegga a f un tuff t'un sta piscna,
prma che'l tocca tera ste barchtn. -
E l ma me: - Oh, s! T'vedr la scna
prma ancora de veda cl'atra riva:
bsogna ch'la t'facia goda sta marna! -
Un mument dop, com fussa genta viva,
chi mort j tufed gi ma chel serpent,
che pi i 'l caceva gi, pi l'arsaliva.
Tutt j'urleva: - Adss ma Flip d'Argent!
E Flip d'Argent, s'la puzza sotta el ns,
el se sturceva tutt, spudand tel vent.

Corda non pinse mai da s saetta,
Che si corresse via per l'aere snella,
Com'io vidi una nave piccioletta
Venir per l'acqua verso noi in quella.
Sotto il governo d'un sol galeoto,
Che gridava: Or se' giunta, anima fella!
Flegis, Flegis, tu gridi a voto,
disse lo mio Signore, a questa volta:
Pi non ci avrai, che sol passando il loto.
Quale colui, che grande inganno ascolta
Che gli sia fatto, e poi se ne rammarca,
Tal si fe' Flegis nell'ira accolta.
Lo duca mio discese nella barca,
E poi mi fece entrare appresso lui,
E sol, quand'io fui dentro, parve carca.
Tosto che il Duca ed io nel legno fui,
Secando se ne va l'antica prora
Dell'acqua pi che non suol con altrui
Mentre noi correvam la morta gora,
Dinanzi mi si fece un pien di fango,
E disse: chi se' tu che vieni anzi ora?
Ed io a lui: S'io vegno, non rimango;
Ma tu chi se', che s sei fatto brutto?
Rispose: Vedi che son un che piango.
Ed io a lui: Con piangere e con lutto,
Spirito maledetto, ti rimani:
Ch'io ti conosco, ancor sie lordo tutto,
Allor stese al legno ambo le mani:
Perch il Maestro accorto lo sospinse,
Dicendo: Via cost con gli altri cani.
Lo collo poi con le braccia mi cinse,
Baciommi il volto, e disse: Alma sdegnosa,
Benedetta colei che in t' s'incinse.
Quei fu al mondo persona orgogliosa;
Bont non che sua memoria fregi:
Cos l'ombra sua qui furiosa.
Quanti si tengon or lass gran regi,
Che qui staranno come porci in brago,
Di s lasciando orribili dispregi!
Ed io: Maestro, molto sarei vago
Di vederlo attuffare in questa broda,
Prima che noi uscissimo del lago.
Ed egli a me: Avanti che la proda
Ti si lasci veder, tu sarai sazio:
Di tal disio converr che tu goda.
Dopo ci poco vidi quello strazio
Far di costui alle fangose genti,
Che Dio ancor ne lodo e ne ringrazio.
Tutti gridavano: A Filippo Argenti
Lo Fiorentino spirito bizzarro
In s medesmo si volgea co' denti.



 
 
 
 
FattiNostri  
  Lotto
<
  Redazione
<
  Hanno collaborato a questo numero
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



PrimoPiano  
  Da Pesaro alla Nuova Zelanda in 40 minuti
<



TuttoPesaro  
  La Circonvallazione chiamata desiderio
<
  Proverbi pesaresi
<
  I lavor tel Piazel Mateotti
<
  Ricordo di Rossi
<



TuttoFano  
  I Mesi' di Fabio Tombari: Marzo
<
  Fano tra poesia e storia:
La Parrocchia di S. Leonardo

<
  Coro polifonico 'Malatestiano'
<
  El fustigator
<



Opinioni e Commenti  
  Un convegno sulla schizofrenia
<
  Le stragi del sabato sera
<
  Lipu: Piantiamo cespugli nelle piazze
<
  Difesa dei consumatori
<
  Una lettera
<



Nostalgia  
  Dall'Ardizio alle Ande
<



Amici Nostri  
  Attenti all'uomo'
<
  Luisa e Antonio
<
  Melampo: i miei duecento amici
<
  Animalia
<
  Amici
<



Lettere e Arti  
  Le Favole di Fedro in dialetto pesarese: La rana scoppiata e il bue
<
  La Divina Commedia in dialetto pesarese: Filippo Argenti
<
  All'ultimo respiro (ovvero, della loquacit dei moribondi)
<
  Finch c' musica c' speranza
<
  Materie prime inc.
<
  La paura dei 'diversi'
<
  Recensioni
<
  Poesie
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa