Home Page
  Aprile 2011
  Marzo 2011
  Febbraio 2011
  Gennaio 2011
  Dicembre 2010
  Novembre 2010
  Ottobre 2010
  Settembre 2010
  Luglio-Agosto 2010
  Giugno 2010
  Maggio 2010
  Aprile 2010
  Marzo 2010
  Febbraio 2010
  Gennaio 2010
  Dicembre 2009
  Novembre 2009
  Ottobre 2009
  Settembre 2009
  Luglio-Agosto 2009
  Giugno 2009
  Maggio 2009
  Aprile 2009
  Marzo 2009
  Febbraio 2009
  Gennaio 2009
  Dicembre 2008
  Novembre 2008
  Ottobre 2008
  Settembre 2008
  Luglio-Agosto 2008
  Giugno 2008
  Maggio 2008
  Aprile 2008
  Marzo 2008
  Febbraio 2008
  Gennaio 2008
  Dicembre 2007
  Novembre 2007
  Ottobre 2007
  Settembre 2007
  Luglio-Agosto 2007
  Giugno 2007
  Maggio 2007
  Aprile 2007
  Marzo 2007
  Febbraio 2007
  Gennaio 2007
  Dicembre 2006
  Novembre 2006
  Ottobre 2006
  Settembre 2006
  Luglio-Agosto 2006
  Giugno 2006
  Maggio 2006
  Aprile 2006
  Marzo 2006
  Febbraio 2006
  Gennaio 2006
  Dicembre 2005
  Novembre 2005
  Ottobre 2005
  Settembre 2005
  Luglio-Agosto 2005
  Giugno 2005
  Maggio 2005
  Aprile 2005
  Marzo 2005
  Febbraio 2005
  Gennaio 2005
  Dicembre 2004
  Novembre 2004
  Ottobre 2004
  Settembre 2004
  Luglio-Agosto 2004
  Giugno 2004
  Maggio 2004
  Aprile 2004
  Marzo 2004
  Febbraio 2004
  Gennaio 2004
  Dicembre 2003
  Novembre 2003
  Ottobre 2003
  Settembre 2003
  Luglio-Agosto 2003
  Giugno 2003
  Maggio 2003
  Aprile 2003
  Marzo 2003
  Febbraio 2003
  Gennaio 2003
  Dicembre 2002
  Novembre 2002
  Ottobre 2002
  Settembre 2002
  Luglio-Agosto 2002
  Giugno 2002
  Maggio 2002
  Aprile 2002
  Marzo 2002
  Febbraio 2002
  Gennaio 2002
  Dicembre 2001
  Novembre 2001
  Ottobre 2001
  Settembre 2001
  Luglio-Agosto 2001
  Giugno 2001
  Maggio 2001
  Aprile 2001
  Marzo 2001
  Febbraio 2001
  Gennaio 2001
  Dicembre 2000
  Novembre 2000
  Ottobre 2000
  Settembre 2000
  Luglio-Agosto 2000
  Giugno 2000
  Maggio 2000
  Aprile 2000
  Marzo 2000
  Febbraio 2000
  Gennaio 2000
  Dicembre 1999
  Novembre 1999
  Ottobre 1999
  Settembre 1999
  Luglio-Agosto 1999
  Giugno 1999
  Maggio 1999
  Aprile 1999
  Marzo 1999
  Febbraio 1999
  Gennaio 1999
  Dicembre 1998
  Novembre 1998
  Ottobre 1998
  Settembre 1998
  Luglio-Agosto 1998
  Giugno 1998
  Maggio 1998
  Aprile 1998
  Marzo 1998
  Febbraio 1998
  Gennaio 1998
  Dicembre 1997
  Novembre 1997
  Settembre-Ottobre 1997
  Luglio-Agosto 1997
  Giugno 1997
  *

Gli uomini della guardia

Ferdinando Primo anche quella notte aveva avuto una lunga discussione con la regina e levatosi più tardi e nervoso del solito si aggirava per il palazzo ripetendosi di aver fatto un grande sbaglio a venirsene in vacanza a Caserta con la ‘tedesca'.
E mentre percorreva l'ampio pianerottolo dello scalone d'onore, appoggiatosi alla balaustra di marmo per riprendere fiato e cercare di calmarsi, scorse l'abate Galiani che veniva su lentamente.
“Finalmente qualcuno che sa prendere la vita con filosofia” - si disse e pensò di fargli uno dei suoi soliti scherzi.
Guardandosi intorno non trovò di meglio che un piccolo corno che non esitò a lanciargli in testa.
L'abate si fermò di scatto e non si mosse fino a quando il re non gliene chiese ragione.
“Aspettavo che Sua Maestà avesse finito di pettinarsi” - rispose tutto serio il colto e arguto Galiani.
Il re incassò senza scomporsi, infilò una porta e proseguì l'insolita passeggiata attraverso anticamere e saloni, fino a giungere in uno stretto corridoio, dove un cameriere della sua stessa statura e fisionomia attirò la sua attenzione.
“Vieni un po' qua!” - gli ordinò incuriosito.
Il cameriere gli si avvicinò tranquillo e il sovrano, dopo averlo esaminato dalla testa ai piedi, lo prese per un braccio e lo spinse senza tante cerimonie verso una grossa specchiera.
La somiglianza era a dir poco sbalorditiva!
“Di' un po',” - gli chiese dopo aver riflettuto per qualche istante - “tua madre ha servito qui a palazzo, nevvero?”
“No, Maestà,” - gli rispose il cameriere - “a palazzo ha servito mio padre”.
Facendo finta di nulla il re incassò anche quest'altro colpo e si ritirò nei suoi appartamenti, dove si lasciò andare alle imprecazioni più oscene.
Una giornata iellata, cominciata decisamente male!
E la reggia di Caserta gli diventò irrimediabilmente insopportabile.
“Me ne torno a Napoli!” - concluse e informò subito il ciambellano, sollecitandolo a provvedere alla partenza per il pomeriggio stesso.
Non era mai accaduto nulla di simile e il ciambellano ne fu a dir poco stupito, ma eseguì con solerzia gli ordini ricevuti, senza trascurare di mandare qualcuno ad avvertire il capo del cerimoniale della capitale del rientro anticipato del sovrano.

Quando la notizia giunse al posto di guardia della reggia di Napoli l'anziano ufficiale fu come preso dai turchi.
“E mo', chi ci metto di fronte al palazzo?” - si chiedeva ad alta voce sudando freddo. - “A voler essere buoni ci si rimette sempre di persona! E dire che me lo sentivo. L'ho fatta grossa e questa volta il re non mi perdona. Troppi congedi! Troppi congedi! Non ve lo dicevo, forse ? E ora mi sta bene se mi gioco posto e dignità!”
I pochi soldati del corpo di guardia restati in servizio cercavano di calmarlo.
“Ci siamo qua noi, comandante!”
Ma lui li guardava con disprezzo e continuava a imprecare, dandosi di tanto in tanto un pugno in testa.
“Siete pochi e male assortiti, mannaggia a me!”
“Per fare numero ci sarebbero i palafrenieri…” - osò consigliarlo uno di loro.
“Sì, proprio! E perché non chiamiamo pure i camerieri e li travestiamo da guardie?” - lo zittì l'ufficiale, più arrabbiato che mai.
“Ditelo allora che mi volete mandare alla forca!” - ricominciò a imprecare dopo una breve pausa.
Nessuno più fiatò e l'anziano ufficiale, dopo essersi calmato e aver riflettuto a lungo, li contò e disse: - “Tra non molto la carrozza del re è qua. Voi siete poco più di una dozzina, ma non vedo altra soluzione. Perciò, ascoltatemi bene e non fatemi fare altre fesserie! Adesso uscite e vi schierate davanti al palazzo dieci passi uno dall'altro, in perfetto allineamento. Io conto sulla distrazione di Sua Maestà e la benevolenza di San Gennaro, ma anche su di voi. Mi avete capito?”
“Sì, sì....” - risposero in coro le guardie e si precipitarono a prendere armi e insegne, uscirono dal portone e si predisposero come gli era stato ordinato, allineati dieci passi uno dall'altro.
Meno di un quarto d'ora dopo il cocchio reale giunse in piazza, rallentò la corsa, svoltò a sinistra e si avviò verso l'ingresso principale del palazzo.
Come di prammatica l'anziano ufficiale gridò l'attenti e il presentat'arm e il re, colpito dal suo insolito tono di voce, si affacciò al finestrino e fece fermare i cavalli.
“E questi sarebbero gli uomini?” - domandò, irritato nel vederne schierati così pochi.
“No, Maestà!” - gli rispose l'anziano ufficiale senza perdersi d'animo, - “gli uomini sono a casa, questi sono i fessi.”
“Va be', ho capito” - bofonchiò il re bonariamente e, più che mai convinto che una giornata iniziata male non può che finire allo stesso modo, lasciò perdere e rientrò a palazzo.

Umberto Vitiello


 
 
 
 
Fattinostri  
  Hanno detto
<
  Lotto
<
  Profilo degli autori di questo numero
<
  Come si collabora
<
  Dove si trova
<



TuttoPesaro  
  Il convento di San Nicola in Valmanente
<
  DPP: Dilettanti Professionisti Poveri
<



TuttoFano  
  I personaggi sparsi di Antonio G. Casanova
<



Opinioni e Commenti  
  Solo coltivando la pace si può veramente ottenerla
<
  Quando il marito tradisce l'amante
<
  I valori attuali del 4 Novembre
<
  Guardiamo in faccia le nostre paure
<
  Pensieri in libertà
<
  A Cartoceto la mostra dell'olio
<



Speciale  
  Neta e Nezar oltre la guerra
<
  Gli alibi del nuovo nazismo
<
  I limiti del 'buonismo'
<
  I negri di casa
<
  E la gent intant la mor
(11 settembre 2001)

<
  I nemici della pace
<
  Il Carbonchio o Bacillus anthracis
<
  La paura dell'altro
<
  New York 2001
<



Salute  
  Le alternative alla psichiatria
<
  La bellezza senza illusioni
<



Società  
  Una fuga ad Urbino
<



Consumatori  
  La resa dei conti
<
  Il Caso: Il caffè al tavolo
<
  Banche e Assicurazioni
<
  Le risposte ACU
<
  Brevi
<



TuttoSport  
  I campioni su rotelle
<
  Grande regata di Piam - Moonshine alla 'Barcolana' di Trieste
<
  Quando l'arbitro era solo cornuto
<



Lettere e Arti  
  Gli uomini della guardia
<
  Pesaro Teatro 2001 - 2002
<
  Una giornata memorabile a Villa Caprile
<
  Memorie di un impiegato
<
  Segnalazioni editoriali
<
  Alessandro Nini, un compositore da ritrovare
<
  L'albero degli amici
<
  L'Andare solitario
<



 
 
 
 

Lo Specchio della Città - periodico per la Provincia di Pesaro e Urbino - Redazione: tel. 0721/67511 - fax.0721/30668 - E-mail:info@lospecchiodellacitta.it

Continuando la navigazione si accetta che possano essere usati cookie per migliorare l'esperienza di navigazione e a scopo statistico. Informativa completa