La Vis Pesaro nel club delle centenarie

Queste righe relative alla Vis Pesaro che ha una storia antica, più antica ad esempio di Milan ed Inter, vogliono essere un doveroso omaggio nei confronti di una società soprattutto dignitosa che proprio nel 1998 festeggia cento anni, un secolo di vita sportiva.

Il debutto al "Campo di Marte" di Soria contro l'avversaria per antonomasia, l'Alma Juventus Fano, foriero di una rivalità mai sopita negli anni è soltanto uno degli argomenti che il sottoscritto ricorda ai lettori dello "Specchio". Come non menzionare il vissino Zeffiro Furiassi giunto ai fasti della nazionale maggiore in occasione dei mondiali targati 1950 nella partita contro la Svezia; oppure i tempi eroici duranti i quali gli stessi giocatori provvedevano personalmente al vestiario sociale e una trasferta in Romagna, nella gara contro il Rimini, si trasformava per alcuni di essi in una gita supplementare con la bicicletta. Nelle file della Vis Pesaro, edizione 1965-66 allenata da Giuliano Tagliasacchi, esordiva come terzino Paolo Bergamo che successivamente diventerà un ottimo arbitro di serie "A".

In questa storia variegata è accaduto che un Vis Pesaro Urbino finisse 31 a 0; ed è pure accaduto che l'indimenticato "Sor" Angelo Becchetti, allenatore-personaggio degli anni '60-'70, detto il "maghetto", ora guida in collaborazione con Rubinacci i cugini granata dell'Alma Juventus Fano. Un altro allenatore del quale i tifosi conservano un buon ricordo è il trapattoniano Walter Nicoletti, romagnolo, autore di due promozioni consecutive che ancora inorgogliscono il tifosissimo Ghiandoni, promozioni giunte dopo l'interregno di Bruno Cantone, ripescato nell'interregionale grazie al "peso" politico del deputato Arnaldo Forlani, un tempo militante nelle "giovanili" della Vis.

Io mi auguro che la nuova dirigenza e gli industriali che amano il calcio vogliano un po' bene alla "centenaria" perché sono altresì convinto che il calcio comunque piace, anche a Pesaro dove notoriamente il basket è lo sport più seguito. Buon compleanno e "Forza Vis".

Massimo Magi

 Stampa